San Gennaro, faccia gialla e doppia

 

Settembre è ‘o mes’ rȃ palestra, rȇ criatur’ ca tornan’ a scol’, rȏ Napul’ che ha già abbiat’ a juca’ e staj ancor’ a tiemp’ pe’ te fa’ l’abbonamento tra nu “ADL pappone” e ‘a speranza ca chist’ann’ nun facimm’ figur’ ‘e mmerd’.

Ma settembre è, pȇ napulitan’, soprattutto ‘A FEST’ ‘E SAN GENNAR’!
S’aspett’ ca se squagl’ ‘o sang’ rȏ Santo cȃ stessa speranza ‘e vere’ Maggio ca ‘ngarr’ nu cross’!
Sul’ che si succer’ ‘a primma cos’, stamm’ tutt’ cchiù tranquill’ ma si Maggio nun vott’ ‘a pall’ a cap’ ‘e cazz’ e ‘o ngarr’ ‘o cross’, allora sì che c’avimma preoccupa’.
In ogni caso se tratt’ semp’ ‘e sang’ ca voll’, vuò pe’ e jastemm’ vuò pe’ miracolo.

Ma chi era chist’omm’ ca se facett’ taglia’ ‘a cap’ pecché crerev’ a Gesù Crist’?
Innanzitutto se chiammav’ Ianuario, anzi chill’ era ‘o cognome pecché appartenev’ a Gens Januaria cioè fedele al dio Giano, e dicen’ che in realtà se chiammav’ Procolo, nu nomm’ che, ‘o ssacc’, nun c’azzecc’ nient’ cȏ sant’ nuost’ ca per noi sarà solo e sempre Gennarin’. Continua a leggere “San Gennaro, faccia gialla e doppia”