Warhol a Napoli, nu fatt’ assaje pop

«Amo Napoli perché mi ricorda New York, specialmente per i tanti travestiti e per i rifiuti per strada. Come New York è una città che cade a pezzi e nonostante tutto la gente è felice come quella di New York».

Warhol s’è truat’ bbuon’ a Napul’ pecché l’arricurdav’ New York pȃ mmunnezz’, accucchiat’ dint’ȇ vic’ comm’ nu piezz’ ‘e arredamento kitch vicin’ ȇ monument’ storici e pȇ femmeniell’, vere e proprie dive rȇ quartier’: chist’ ca se muvevan’ comm’ figure mitologiche ‘ngopp’ ȇ tacc’, doppie e sinuose ‘ngopp’ a ‘na terra fatt’ ‘e acqua e fuoc’, in un equilibrio ca ten’ custanz’ sul’ dint’ȃ precarietà.
Mò si pur’ chist’artist’ tenev’ nu mod’ ‘e vere’ allisciat’, superficial’ (dint’ o sens’ che scorr’ ‘ngopp’ a superficie) è stat’ capace ‘e affunna’ e mman’ dint’ o magma simbolico ‘e chesta città e ha regalat’ a ‘na maner’ tradizional’ ‘e vere’ Napul’ nu sguard’ nuov’.
Dint’ a ‘na città mai tal e qual a se stessa, è stat’ cazz’ ‘e azzecca’ ‘o marchio suoj fatt’ ‘e serialità, ripetizione, rispettandone però ‘a natura anarchica e straripante facenn’ e ritratt’ rȃ ggent’ cu tutt e culur’ scumbinat’, che ascevan’ pe’ ffor’. Continua a leggere “Warhol a Napoli, nu fatt’ assaje pop”